Pergola

Matelica
gennaio 21, 2016
Recanati
gennaio 21, 2016

La città di Pergola si trova immersa nell’incantevole paesaggio della campagna e delle colline alla confluenza dei fiumi Cesano e Cinisco, sullo sfondo dell’imponente profilo del Monte Catria.

Fondata dagli Eugubini nel 1234, essa si trova in una terra di confine, lungamente contesa tra le Signorie dei Malatesta e dei Montefeltro.

Sia il territorio urbano (la stazione ferroviaria) che quello comunale (Grifoleto, Ferbole, Valrea, Monte Santa Croce, Monterolo, Montesecco e Cartoceto) hanno restituito una varietà di vasi, tombe e altre suppellettili che testimoniano una romanizzazione vasta e approfondita.

Proprio a Cartoceto furono rinvenuti, nel 1946, i celeberrimi Bronzi Dorati di Pergola, orgoglio e simbolo della città.

Invasioni barbariche e distruzioni di agglomerati urbani si susseguirono per secoli in tutta la zona, contesa e variamente
influenzata dalle città di Sentinum (Sassoferrato), Pitinum Mergens (Acqualagna), Cagli e le comunità monastiche ravennate e avellanita.

Nei secoli XVII e XVIII Pergola conosce il massimo splendore economico. Sarà il periodo successivo, con la denominazione napoleonica, a causare lo scontento e l’ostilità della popolazione, anche a causa delle gravi spoliazioni del patrimonio artistico e delle condizioni economiche di declino.

In questi ultimi decenni Pergola ha avuto una notevole espansione urbanistica, ed è oggi in grado di offrire prodotti genuini della ricca agricoltura, interessanti itinerari turistici e naturalistici, splendide testimonianze storiche e artistiche del proprio passato che la rendono una meta appetibile per il turismo in ogni stagione.

Pro Loco del Comune di Pergola